Mio Carrello

Chiudi

CONSIGLI PER LA DIETA PRIMAVERILE

Scritto il

Dopo mesi tormentati e con un po’ di ritardo, finalmente la primavera sembra essere arrivata. Alle prime giornate soleggiate però corrisponde spesso un senso di stanchezza ed una sensazione di affaticamento perenne, che non ci fa performare come vorremmo. Il nostro organismo è infatti impegnato in un processo di rinnovamento che segue il periodo invernale e le energie sono rivolte al ripristino della sintesi proteica, dei tessuti, dei muscoli, delle ossa ed all’eliminazione delle tossine accumulate durante la passata stagione (mesi di sedentarietà, al chiuso, con un’alimentazione ricca di grassi e proteine e povera di vegetali). L’aumento della temperatura diminuisce l’esigenza energetica e migliora l’utilizzo degli zuccheri a livello cellulare.

L’obiettivo principale che ci accompagna in questo cambiamento di stagione (e base della dieta disintossicante) è non affaticare il fegato, il quale sarà impegnato nella sintesi dei processi nutritivi e nella degradazione dei cataboliti e delle sostanze di rifiuto.

Come ripulire dunque il nostro organismo dalle tossine? Quali sono le strategie migliori per aumentare la nostra energia? Quale sarà l’alimentazione corretta da seguire?

Partendo dal presupposto che è consigliabile concedersi un adeguato numero di ore di sonno per contrastare la tipica stanchezza primaverile, perseguire un’alimentazione sana risulta di utilità fondamentale in questa stagione. La prima accortezza è cercare di alleggerire la nostra dieta, eliminando o limitando il consumo di alimenti ricchi di lipidi e zuccheri (salumi e carni processate, fritture, dolci, merendine industriali, ecc.) e ingerendo maggiormente frutta e verdure fresche, cereali integrali, legumi e semi, ovvero alimenti facilmente digeribili e dall’effetto depurativo per l’organismo. Tali fonti nutrizionali sono ricche di sostanze antiossidanti e rappresentano una barriera contro l’eccesso dei radicali liberi accumulatisi durante il periodo invernale.

Per la colazione e gli spuntini, si dovrebbe sempre prevedere frutta fresca di stagione e cereali, affiancati magari da uno yogurt magro, che ha un effetto positivo sulla flora intestinale.

E’ consigliabile consumare cereali integrali per trarre beneficio dalla loro azione depurativa in quanto, grazie al loro contenuto di fibre insolubili, favoriscono il transito intestinale riducendo il tempo di contatto con le sostanze non desiderabili.  Tra questi il riso è quello con le doti depurative più accentuate: le sue fibre hanno un effetto benefico sulle fermentazioni e sulle microinfezioni batteriche dell’intestino. Inoltre il suo germe contiene un olio con una buona quantità di vitamina E dall’azione antiossidante e secondo gli ultimi studi in materia gli sono state attribuite sostanze antiaggreganti piastriniche, che rendono il sangue più fluido.

Tra le verdure il carciofo si distingue per le sue proprietà depurative. Esso appartiene alla famiglia delle composite e riveste una doppia utilità per fegato. Oltre che per l’effetto diuretico è indicato per i disturbi alle vie biliari, in quanto riduce il rischio di calcolosi. Stimola inoltre l’eliminazione del colesterolo da parte del fegato e ha capacità antiuriche (aiuta a smaltire gli acidi urici derivati dalle proteine animali che potrebbero accumularsi e favorire la comparsa di dolori articolari).

Per contrastare la ritenzione idrica causata dal sodio contenuto nel sale da cucina (di cui va limitato il consumo), è consigliabile selezionare vegetali ricchi di potassio come patate, spinaci, kiwi e banane. Da limitare anche i condimenti: sebbene l’olio extravergine di oliva contenga preziose sostanze antiossidanti è bene non esagerare: per sfruttarlo al meglio va usato a crudo e non più di 2-3 cucchiaini per ogni pasto principale. Le cotture da privilegiare sono brevi e semplici (al vapore, al cartoccio o in umido), senza eccedere con i condimenti.

Per quanto riguarda le fonti proteiche occorre optare per carni bianche come pollo, tacchino, coniglio, suino (alcune parti), più povere di grassi rispetto alle carni rosse e per i legumi, ricchi di proteine e di fibre.  Affiancare a questi alimenti, nei pasti principali, un’insalata di lattuga, finocchi o carote, ci aiuterà ad aumentare il senso di sazietà ed evitare abbuffate controproducenti rispetto ai nostri obiettivi.

Infine, per incrementare esponenzialmente l’azione depurativa, è necessario ricordarsi di bere almeno due litri e mezzo di liquidi al giorno (anche sotto forma di tisane), limitando il consumo di alcolici.

PS: il tuo corpo è programmato per fare attività fisica e lo sport più semplice è quello di camminare, almeno un’ora al giorno. Mangia bene, fai diventare queste semplici pratiche abitudini quotidiane e riscoprirai energia e benessere!

Buona primavera!

Acquista ora il Menù Detox

 

Ciao!

Inserisci la tua Email per essere sempre aggiornato sui prodotti e le offerte!

SEARCH THIS STORE